Torna per l'intera giornata di domenica 7 novembre la tradizionale "Fiera delle Fantelle".
Saranno oltre 40 i qualificati banchi generalisti ospitati lungo Piazza Kennedy, via Roma e via Marconi. La ripartizione dei prodotti vedrà una netta prevalenza dell'abbigliamento con circa 20 attività. A seguire gli altri settori: 6 alimentari, 6 calzature e pelletterie, 4 oggetti per la casa, 2 piante e fiori, 2 bigiotterie, 1 scale e oggetti da lavoro, 1 anticherie.
"Dopo un lungo pellegrinare dentro e fuori il centro storico che stava pregiudicando la riuscita della fiera – afferma Antonio Luna, vice Sindaco con delega al commercio – nel 2007 abbiamo avviato un progetto di rilancio che ha voluto interpretare i bisogni della città e gli orientamenti delle imprese aderenti. Il piano ha perseguito i seguenti obiettivi: stabilizzare la manifestazione nell'accogliente area di Borgo; contingentare le adesioni, rendendole funzionali alla caratteristica dimensione del luogo e alla continuità qualitativa della presenza; spostare l'evento al festivo, per facilitarne l'accesso e protrarne la durata; allontanare la data da eventi competitivi. Una nota di merito va riconosciuta all'impegno degli uffici comunali, con particolare riferimento a Giuliano Pallini, per quest'opera di salvaguardia e rilancio del più antico evento commerciale di Spello che ha molto probabilmente raggiunge gli otto secoli di storia."
Risale infatti almeno al XIV secolo l'antica leggenda che narra di tre fanciulle spellane in età da marito, fantelle, di umili origini che l'8 novembre si recarono alla tradizionale fiera di San Claudio per vendervi pollame ed uva secca, con il cui ricavato poter poi acquistare lenzuola di lino e canapa per la loro dote. In realtà la spiegazione di questo nome indica probailmente l'usanza delle ragazze, soprattutto di campagna, di partecipare numerose alla fiera per farsi conoscere da eventuali pretendenti: giovani che le avrebbero prese in sposa. Per tali ragioni la Fiera è divenuta una delle tradizioni cittadine più amate dagli Spellani proprio per questa sua funzione sociale e relazionale che l'evento, vero e proprio momento di festa della comunità, ha storicamente finito per rappresentare fino ad oggi.

Sabato 6 Novembre 2010




0 commenti

Posta un commento

Cerca notizie e informazioni su Assisi e l'Umbria

Cerca per argomento

Cerca per mese di pubblicazione

Alte notizie di Assisi e dintorni

Offerte di lavoro ad Assisi e dintorni

News dalla Provincia di Perugia