É partita la "Rassegna del Grechetto", la festa del bianco vino umbro, giunta ormai alla 21esima edizione.
Serate danzanti, stand gastronomico, spettacoli teatrali: tutto è pronto a Capitan Loreto, frazione di Spello, per accogliere gli amanti del vino.
Ogni sera, fino al 19 luglio, si potrà gustare, oltre al Grechetto, piatti tipici della cucina umbra come la coratella di agnello e le torte farcite.
Ogni giorno, inoltre, il menù è completato dalla specialità della serata. Dopo le nove si aprono le danze con le varie orchestre che si alternano sul palco di Capitan Loreto.
E, per chi lo vuole, si può mettere alla prova con la gara di briscola. Tredici le cantine che partecipano alla Rassegna: cantina "Arnaldo Caprai" di Montefalco, cantina sociale "Le Terre del Carpine" di Magione, azienda agricola e cantina "Sportoletti" di Spello, azienda agraria vinicola di Italo di Filippo di Cannara, azienda agraria "Il Saio" di Assisi, cantina sociale di Bettona, cantina "Goretti" di Pila di Perugia, azienda agraria "Scacciadiavoli" di Montefalco, cantina "Chiorri" di Sant'Enea di Perugia, cantina "Dionigi" di Bevagna, cantina "Tudertum" di Todi, azienda agricola "Rocca di Fabbri" di Montefalco, cantina "Brogal" di Bastia Umbria.
"Noi esponiamo per ognuna la loro bottiglia sia durante la cena – spiega Marcello Brunozzi del Comitato per Capitan Loreto nonché uno degli organizzatori della sagra -, in modo tale che ognuno può accompagnare il pasto con il vino che preferisce, sia al bar, dove è possibile un assaggio gratuito."
Particolare la serata di ieri. Era, infatti, dedicata agli sponsor, che "ci danno una mano con la sagra", precisa Brunozzi. Quindi sono prenderanno parte anche le cantine che hanno aderito alla Rassegna. Inoltre erano presenti anche persone dell'amministrazione comunale e le autorità. "Per l'occasione invitiamo il neo sindaco di Spello Sandro Vitali – afferma Brunozzi -, la Giunta comunale insieme a rappresentanti dei Carabinieri, Vigili del Fuoco, il sacerdote, con Carlo Liviantoni, vicepresidente della Giunta regionale nonché assessore regionale alle Politiche agricole.
La serata è stata offerta dal Comitato per Capitan Loreto ed è stata anche l'occasione per far dialogare le persone che hanno un'impresa con chi si occupa dell'amministrazione del territorio.
"Quest'anno non è stato possibile ripetere il convegno che l'anno scorso ha avuto luogo durante la serata dedicata agli sponsor per via del rinnovo della Giunta comunale avvenuto di recente.
Non ci sono stati i tempi tecnici per organizzarlo. La scorsa edizione questo convegno ha attirato molto l'attenzione proprio per le tematiche trattate, il pericolo e la qualità dell'alcol, discusse e illustrate da alcuni professori universitari.
Era presente anche la presidente della Regione Maria Rita Lorenzetti", dicono gli organizzatori. Stasera è un'altra serata da segnarsi in agenda. Dalle 21 in poi ci sarà uno spettacolo teatrale in dialetto della compagnia di Collestrada. La commedia, "brillante" sottolinea Brunozzi, diretta da Walter Toppetti, si intitola "Un salto nel passato".
Molto spazio della Rassegna è stato dedicato alla beneficenza. Una parte è destinato ad associazioni come la Croce Rossa Italiana e all'Avis. La restante parte è, invece, utilizzata per il territorio, in particolare per creare centri di ritrovo per giovani ed anziani.
"Alla fine della festa c'è una cifra che noi reinvestiamo in un centro comunale, perchè è una struttura comunale e il Comune partecipa in parte alle spese, per i bambini – continua Brunozzi -.
Si tratta di un parco giochi, attrezzato con una pista polivalente, un'altra che viene utilizzata come ristorante durante la questa festa e una struttura al chiuso, dove organizziamo le riunioni del Comitato in inverno.
E sempre nei mesi invernali viene aperto una volta a settimana per gli anziani. È un luogo di ritrovo. In origine era un centro di esposizione per stufe, poi "Palazzetti", a seguito del terremoto del 1997, lo ha donato al Comune e noi, come Comitato, abbiamo fatto una convenzione per poterlo utilizzare".
"L'idea di una Rassegna di questo particolare vitigno è partita proprio da una delle aziende agricole del posto, "Sportoletti" - precisa Brunozzi -.
All'inizio erano solo serate isolate. Poi si sono unite tutte le cantine che imbottigliano il Grechetto. Nel centro Italia ci sono numerose aziende che producono questo tipo di vino bianco, fresco, ideale per l'estate.
Abbiamo contattato le cantine interessate e ormai siamo giunti alla 21esima edizione".



0 commenti

Posta un commento

Cerca notizie e informazioni su Assisi e l'Umbria

Cerca per argomento

Cerca per mese di pubblicazione

Alte notizie di Assisi e dintorni

Offerte di lavoro ad Assisi e dintorni

News dalla Provincia di Perugia